Pubblichiamo l'appello che sta girando nei posti di lavoro per raccogliere adesioni contro la intesa contrattuale per le aziende pubbliche dell'igiene ambientale un appello dal basso, scritto a più mani dai delegati e dai lavoratori dell'igiene ambientale

IGIENE AMBIENTALE: DICIAMO NO ALL’IPOTESI DI ACCORDO
Ci rivolgiamo ai lavoratori dell'igiene ambientale con o senza tessera
sindacale , ci rivolgiamo a quanti in questi mesi hanno lottato scioperando e
bloccando il lavoro straordinario pur di vedere rinnovato il proprio contratto
e riacquistare salario, diritti e dignità.
Dopo due giornate di sciopero ed altre due previste per metà luglio, il 10
luglio, cgil cisl uil fiadel accettano le condizioni di Utilitalia.
Non ci siamo mobilitati per un contratto nazionale peggiorativo, non per
aumentare di due ore l'orario settimanale ,da 36 a 38, in cambio di poche ore
di permesso a parità di salario dal 1 gennaio 2017
Questa intesa se non viene rigettata dai lavoratori/trici nelle assemblee e
nelle consultazioni certificate rischia di essere presa come modello nazionale
per altri rinnovi di contratti e peggiorare le nostre condizioni di lavoro
Non possiamo accettare:
Un nuovo livello chiamato “S” nei fatti un salario di ingresso da poter
sfruttare per potenziali nuovi assunti.
Un “ampliamento ed una armonizzazione” dei livelli tra primo e secondo senza
che questo porti benefici ma al contrario più lavoro e responsabilità a costo zero,
che i tempi per il cambio divisa siano in aggiunta alle 38 ore
Malattia: c’è il chiaro intento di rivedere in peggio la disciplina delle
“malattie brevi” per solo ridurre i costi aziendali.
Dopo le pressioni di Utilitalia per rivedere le normative inerenti il diritto
di sciopero c’è il chiaro impegno a limitarne l’uso e l’azione
Introduzione del decreto Madia non ancora legge nel nostro contratto dove
oltre a prevedere il licenziamento individuale è prevista anche la
privatizzazione di Acqua, luce Gas, Trasporti ed aziende di Igiene Ambientale.
La riduzione del costo degli straordinari
70 euro lordi in tre anni sono una miseria
200 euro lordi di arretrati non parametrati divisi in due trance al posto
degli arretrati contrattuali
Rifiutiamo questa intesa, vogliamo aumenti salariali che restituiscano il
potere di acquisto perduto in tutti questi anni, non vogliamo che il nostro
contratto venga usato come esempio e al ribasso per altri contratti.
Non vogliamo tornare indietro di anni con questa intesa sottoscritta da cgil cisl uil fiadel.

Commenti

Un appello dal basso

Un appello dal basso, scritto a più mani dai delegati e dai lavoratori
dell'igiene ambientale finalizzato a due obiettivi:
1. costruire in ogni azienda i comitati per il no,
2. aggregare lavoratori e lavoratrici a prescindere dalla tessera sindacale
per impedire la firma di un accordo tra i peggiori prodotti negli ultimi anni, accordo che farà da scuola per l'igiene ambientale privata e lo stesso pubblico impiego.