Alla Sapienza di Roma contestata la "Maker faire": «Una vetrina per il business sull’innovazione». Dal 16 al 18 ottobre aule e biblioteche chiuse e chi lavora o studia all'università dovrà pagare il biglietto! (Non è uno scherzo)

La «Maker faire», la fiera degli arti­giani digi­tali (i «makers»), si svol­gerà all’università Sapienza di Roma da venerdì 16 a dome­nica 18 otto­bre. In que­sti giorni, l’imponente piaz­zale della Minerva e anche il «pra­tone» sul quale affac­ciano le segre­te­rie dell’ateneo più grande d’Europa, sono occu­pate dai ten­doni e padi­glioni che ospi­te­ranno la fiera dell’innovazione tec­no­lo­gica curata dal «digi­tal cham­pion» Ric­cardo Luna e dall’ideatore di Arduino Mas­simo Banzi. La tre giorni «sapien­tina» è l’edizione euro­pea di una fiera che ha cala­mi­tato oltre 1.5 milioni di visi­ta­tori com­ples­si­va­mente, sin dal suo lan­cio a San Mateo, in Cali­for­nia nel 2006. L’anno scorso la Maker faire ha attratto a Roma oltre 600 inven­zioni in mostra e 90 mila visi­ta­tori. Quest’anno i pro­mo­tori inten­dono con­so­li­dare la fama della «più grande espo­si­zione al mondo dopo le ame­ri­cane “Area Bay” e “New York”». L’iniziativa, pro­mossa dalla Camera di Com­mer­cio di Roma, ha un ven­ta­glio di 55 spon­sor, i prin­ci­pali sono Intel, Dws, Uni­data, Eni, Ing­Dan, Tim e poi Acea, Bnl, Goo­gle, Ibm, Cisco, tra gli altri. La Maker faire è un potente con­cen­trato teo­rico e infor­ma­tivo sulla nuova fron­tiera del capi­ta­li­smo 2.0 che punta le carte sull’innovazione, la crea­ti­vità, l’auto-imprenditorialità e l’idea del talento indi­vi­duale o col­la­bo­ra­tivo. Per ospi­tare al meglio l’importante vetrina degli arti­giani digi­tali (ne sono attesi 600). Il ret­tore della Sapienza Euge­nio Gau­dio ha deciso la chiu­sura delle atti­vità didat­ti­che della città uni­ver­si­ta­ria (lezioni, esami, con­ve­gni, semi­nari), il blocco dell’accesso alle biblio­te­che e alle sale let­tura per favo­rire le ope­ra­zioni di alle­sti­mento. Venerdì 16 e sabato 17 anche gli uffici saranno costretti a ferie obbli­gate. I docenti, i lavo­ra­tori e gli stu­denti inte­res­sati all’evento dovranno pagare il biglietto per entrare. Costi ridotti: dai 4 euro per stu­denti ai 25 per i tre giorni. La recin­zione dello spa­zio pub­blico nel peri­me­tro desti­nato alla fiera ha col­pito non pochi docenti, ricer­ca­tori e stu­denti. Il passa parola è diven­tato in que­sti giorni una cam­pa­gna pro­mossa dagli stu­denti: «Maker fair… per chi?» con una pagina face­book dedi­cata. Il tam tam si è tra­dotto in un sit-in sul pra­tone della Sapienza e in un incon­tro con il pro­ret­tore alla ricerca Valente e il pre­side della Facoltà di Scienze Nesi. «Il nostro Ate­neo sta appro­fon­dendo lo sfrut­ta­mento inten­sivo nella mer­ci­fi­ca­zione dei risul­tati della ricerca scien­ti­fica — sosten­gono gli stu­denti — Per­ché occu­pare lo spa­zio uni­ver­si­ta­rio costruendo una vetrina per chi spe­cula sull’innovazione?». La domanda chia­ri­sce le ragioni della pro­te­sta: non è con­tro i makers, ma con­tro l’uso «busi­ness» del lavoro intel­let­tuale o crea­tivo di chi crea stam­panti 3D, cir­cuiti, cose, robo­tica, automazione. II ricer­ca­tori “Inter­mit­tenti della ricerca Roma” appro­fon­di­scono le ragioni della pro­te­sta. Sosten­gono che l’approccio “busi­ness” dell’evento è il segno del ribal­ta­mento della filo­so­fia della con­di­vi­sione e della coo­pe­ra­zione (“sha­ring”) sot­tesa ori­gi­na­ria­mente a que­sto genere di iniziative,“dove si met­te­vano in comune cono­scenze spe­ci­fi­che, si pra­ti­ca­vano forme di coo­pe­ra­zione e di con­di­vi­sione dei saperi. La Maker Faire pro­muove invece la dif­fu­sione di quei saperi che la reto­rica di Gel­mini e Gian­nini chiama “saperi utili”, vale a dire quelli diret­ta­mente spen­di­bili nel mondo dell’impresa, iden­ti­fi­can­doli come unico modello per met­tere in pra­tica i pro­pri studi e le pro­prie competenze”. L’argomentazione rac­co­glie uno dei punti prin­ci­pali del dibat­tuto sulla “sha­ring eco­nomy”: l’appropriazione dell’innovazione e la sua cana­liz­za­zione in un’economia pro­prie­ta­ria sullo stile, ad esem­pio di Uber. Le con­se­guenze di que­sto approc­cio sulla crea­zione e sulla tra­smis­sione dei saperi sono imme­diate: la neces­sità da parte dell’artigiano digi­tale di otte­nere un red­dito dalla sua crea­zione è decli­nata secondo i canoni del “fare impresa”. “Que­sto modello — spie­gano i ricer­ca­tori - sem­bra rical­care il modello della Ricerca pro­mosso dalle “riforme” uni­ver­si­ta­rie degli ultimi vent’anni: inco­rag­giare la com­pe­ti­ti­vità e, attra­verso l’economia della pro­messa, l’autosfruttamento, come se l’unica via per lavo­rare nel mondo della ricerca fosse l’autoimprenditorialità e la pro­mo­zione di se stessi a disca­pito degli altri e della qua­lità della ricerca”. Modello coo­pe­ra­tivo con­tro modello busi­ness, dun­que. E’ il cuore della ten­sione che anima a livello mon­diale la sha­ring economy. «Rite­niamo che un evento così gestito e costruito non debba costi­tuire un pre­ce­dente per l’università pub­blica ma un uni­cum che non si dovrà mai più ripe­tere» spie­gano gli stu­denti pro­mo­tori della pro­te­sta che chie­dono la tra­spa­renza del ritorno eco­no­mico per l’università; uno spa­zio auto­ge­stito nella fiera per gli stu­denti; l’accesso libero per chi lavora e stu­dia alla Sapienza. Mar­tedì 13 otto­bre è annun­ciata una mobi­li­ta­zione e venerdì 16 un cor­teo da piazza Aldo Moro.

Commenti

La Sapienza al servizio delle Imprese si difende dalla protesta

“L'UNIVERSITA' AL SERVIZIO DELLE IMPRESE SI DIFENDE DALLA PROTESTA DEGLI STUDENTI CON GLI IDRANTI” La manifestazione Maker Faire, che si svolge a Roma da oggi fino a domenica 18 ottobre all'Università “La Sapienza”, non ci ha presentato innovazioni nel campo della scienza e della tecnologia ma il ritorno a un vecchio strumento di repressione della piazza, con l'uso degli idranti contro gli studenti che manifestavano contro l'uso privato di una pubblica istituzione. L'Università, chiusa agli studenti e aperta ad una vetrina per le imprese, si difende dalle legittime proteste con la repressione più brutale, mentre in assenza di politiche di rilancio dell'istruzione e della ricerca pubblica, i privati decidono di monopolizzare gli spazi pubblici della cultura e della conoscenza. Il PRC è solidale con gli studenti in lotta, condanna l'ennesimo atto di intimidazione verso il dissenso e chiede la liberazione dei due giovani fermati.

Claudio Ursella segretario Federazione PRC Roma