Cariche a Roma contro i lavoratori delle Ast le acciaierie di Terni, Prc: “Episodio gravissimo, incompatibile con la democrazia”

Operaii delle acciaierie di Terni.jpg

“E’ di inaudita gravità la notizia della carica violenta della polizia agli operai di Terni e ai rappresentanti sindacali che erano con loro, colpiti perché dopo un presidio sotto l’ambasciata tedesca volevano spostarsi al Mise. Il governo Renzi invece di intervenire per salvare le acciaierie, impedendo la distruzione di posti di lavoro e del futuro di un intero territorio, interviene manganellando lavoratori e sindacalisti. Il governo Renzi attacca i diritti dei lavoratori, le libertà sindacali e il diritto a manifestare, come mai era avvenuto nella storia recente. E’ un episodio degno dei tempi più bui della nostra storia, incompatibile con la democrazia di un paese. Crediamo che ai lavoratori e ai sindacalisti colpiti debba andare il pieno sostegno di chi ha a cuore i diritti del lavoro e la democrazia”. Dichiarazione di Roberta Fantozzi e Paolo Ferrero. Eleonora Forenza, capodelegazione dell’Altra Europa con Tsipras al Parlamento europeo/gruppo Gue-Ngl ha annunciato un’interrogazione sull’episodio “indegno di un Paese civile”. Protestavano in 600 perché la ThyssenKrupp vuole licenziare 537 dipendenti delle acciaierie di Terni. "Ci hanno manganellato senza motivo". Dicono gli operai.  La Camusso visita i feriti all'ospedale e chiama Alfano: "Renda conto di quanto è successo". Il leader della Fiom Maurizio Landini è imbestialito: “Siamo partiti in corteo e ci hanno menato. Ero davanti a prenderle anche io. Non siamo delinquenti, non si mena chi è in piazza a difendere i lavoratori”. A finire all’ospedale tre manifestanti che hanno subito contusioni sul corpo e sulla testa. Tra i contusi anche due sindacalisti: Gianni Venturi, coordinatore nazionale Fiom, e Alessandro Unia del Rsu Fim Cisl.

Commenti

Solidali e complici con gli operai in lotta, contro padroni

Solidali e complici con gli operai in lotta, contro padroni e polizia. ★

Bisogna restaurare l'odio di classe, perché loro ci odiano

"Bisogna restaurare l'odio di classe, perché loro ci odiano, dobbiamo ricambiare." ☭

Alle maestranze dell’AST che oggi hanno subito le cariche

Alle maestranze dell’AST che oggi hanno subito le cariche della polizia con tre lavoratori feriti, va tutta la nostra attiva solidarietà, mentre ribadiamo che l’unica soluzione è la nazionalizzazione delle aziende, portate al disastro da padroni che non hanno altro obiettivo che i profitti immediati, specie nei settori strategici."

La situazione in questo paese sta rapidamente degenerando

La situazione in questo paese sta rapidamente degenerando. Se gli slogan e le visioni idilliache diffusi quotidianamente dal premier e dalla sua squadra vengono messe in discussione da qualcuno, scattano le manganellate. Politiche o mediatiche in alcuni casi, reali in altri.