Assemblea pubblica: il mondo della formazione verso lo sciopero sociale! Venerdì 24 Ottobre ore 14,30 facoltà di Igiene - Università "La Sapienza" Roma -

Buongiorno Compagni.jpg

Riforma della scuola, Jobs Act, legge di stabilità e dunque nuovi tagli: l’agenda autunnale del Governo Renzi si palesa ormai come un piano di attacco su più fronti contro i diritti del lavoro e della formazione, contro gli studenti e i docenti, contro i lavoratori stabili e contro quelli precari. Il mondo della formazione, nel suo complesso, è al centro del mirino. L’università e la ricerca, già definitivamente smantellate dalla legge Gelmini, subiscono nuovi tagli ai finanziamenti. L’idea di scuola e di università che il nuovo centrosinistra neoliberale propone è un’idea fatta di privatizzazioni, di logiche competitive e aziendalistiche, di valutazione come punizione, di merito come mezzo di esclusione, di saper fare piuttosto che di sapere, di avviamento precoce al lavoro precario, servile, usa e getta, sottopagato, gratuito. Il mercato del lavoro, secondo la retorica del Jobs Act, diventa sempre di più una giungla di precarietà per tutti, con bassi salari e nessun diritto. E mentre i vincoli di bilancio e l’austerity non vengono messi in discussione, di tutele di welfare davvero universali non si vede neppure l’ombra.
Invitiamo tutte e tutti gli appartenenti al mondo della formazione, gli studenti medi e quelli universitari, i docenti delle scuole superiori, i ricercatori degli istituti pubblici e di quelli privati, a un’assemblea pubblica il 24 ottobre alle ore 14.30 nella facoltà di Igiene, per discutere delle forme di mobilitazione comune e coordinata, per stringere alleanze tra categorie diverse accomunate dal medesimo nemico, per organizzare le forme di lotta nelle scuole e nell’università verso lo sciopero sociale del 14 novembre.