LADRI DI DEMOCRAZIA. Claudio Ortale (Capogruppo PRC-FdS Municipio Roma 19 e membro del Consiglio della FdS di Roma)

la destra che governa il Municipio 19 si vota le commissioni senza la presenza delle opposizioni che hanno già chiesto da lunedì scorso un Consiglio che metta fine a questa vergogna.
Roma, 13 gennaio 2012. Veri ladri di democrazia, questi della maggioranza di destra che ci ritroviamo ormai da oltre tre anni al governo del Municipio “Monte Mario” Roma 19. Come Rifondazione Comunista avevamo già denunciato fin dall’estate del 2008 con numerosi comunicati stampa che mettere in piedi ben 14 commissioni consiliari, quando il numero complessivo dei consiglieri è di appena 24 eletti, avrebbe fatto implodere il lavoro delle stesse. Per questo da sempre ci siamo dichiarati per ridurne il numero. Dopo oltre tre anni di “tiritera” e di quadra non trovata per gli equilibri interni alla destra che governa, ecco che la forzatura adottata da chi amministra produce un vero è proprio autogol, approvando in aula, alla sola presenza dei membri di maggioranza, una delibera che ridefinisce le commissioni e che dispone anche per la collocazione dei membri delle opposizioni nelle diverse commissioni, senza che le opposizioni abbiano dato delle proprie indicazioni specifiche sul merito della questione. Ma non contenti di questa cialtronata, ecco che nei giorni scorsi, mentre come Rifondazione e con le altre forze di opposizione si è richiesto formalmente un Consiglio per rideterminare il tutto e riportare, tramite l’approvazione di una nuova deliberazione, la regolarità negli atti conseguenti, la destra ha pensato bene di convocare comunque le nuove commissioni, senza la presenza per protesta dei membri delle opposizioni, per votarsi le presidenze e le vicepresidenze. Come membri di minoranza abbiamo già contestato la regolarità non solo formale ma anche sostanziale di tale procedura. E sino a quando non verrà convocato un Consiglio ad hoc per mettere fine a questa vergogna, Rifondazione Comunista FDS non prenderà parte ai lavori delle nuove commissioni, limitandosi alla partecipazione alla commissione Trasparenza e Garanzia che non era decaduta (come anche quella delle Elette) con la delibera che lor signori si son votati da soli nel “bunker” di Mattia Battistini. Ed anche in questo caso, la lotta continua.
Claudio Ortale
(Capogruppo PRC-FdS Municipio Roma 19 e membro del Consiglio della FdS di Roma)