Circolo

Il punto su… Il governo Renzi e le lavoratrici e i lavoratori pubblici - (di Roberta Fantozzi) -

- Care compagne e cari compagni, per mettere a disposizione elementi di analisi sui principali temi del dibattito politico e sulle nostre iniziative, invece di inviare articoli o semplici volantini, parte l’iniziativa “Il punto su..”. Si tratta di semplici articoli/ schede che possono o meno essere accompagnate da volantini, ma che avranno sempre la caratteristica di fornire dati (e fonti precise) per meglio demistificare la propaganda che quotidianamente viene messa in campo dal governo come dai principali mezzi di comunicazione e fornire i termini generali delle diverse questioni. Ogni invio sarà numerato, in modo da poter ricostruire le questioni affrontate, senza che vadano disperse.

Rifondazione: “Sinistra italiana non è un buon partito” Il Prc propone uno spazio a sinistra dentro una rete conflittuale, orizzontale, poliforme, e a bassa soglia, per sottrarsi alla Grande Sel che invece pretende lo scioglimento del Partito Comunista.

(di Checchino Antonini) «L’unità è decisiva perché i discorsi a sinistra diventino un fatto politico di massa», dice Paolo Ferrero introducendo il convegno – “Sinistra: in Europa la fanno plurale” – con cui il partito di cui è segretario ha provato a dispiegare, ieri, le ragioni di Rifondazione comunista per sottrarsi al dilemma se sciogliersi nel partito di Fassina/Vendola (che verrà proclamato il prossimo week end) o restare confinato in un isolamento tutt’altro che splendido interrotto a intermittenza solo dall’interlocuzione con Civati per le prossime amministrative. La forma partito è l’unica custodia possibile per riunificare quello che il liberismo ha diviso? Come valorizzare la varietà delle forme della politica? I partiti sono ancora la nomenclatura delle classi?

A 25 anni dal Movimento per la Rifondazione Comunista (pubblichiamo di Renato Caputo un contributo al dibattito per un bilancio storico 25 anni dopo)

A 25 anni dal Movimento per la Rifondazione Comunista. http://www.lacittafutura.it/dibattito/per-un-bilancio-storico-a-25-anni-dal-movimento-per-la-rifondazione-comunista.html  di Renato Caputo. Purtroppo non c’è proprio nulla da festeggiare e nemmeno da celebrare. Questo generoso movimento, sorto nel 1991 dalle ceneri del Pci, ha dato vita a un percorso politico che pare oggi finito in un binario morto. A maggior ragione oggi ci sarebbe bisogno di un nuovo Movimento per la rifondazione comunista, a meno che non ci si accontenti di sopravvivere nella tenebra del quotidiano.

Costituzione, accettiamo la sfida: Renzi a casa (di Giorgio Cremaschi)

Il referendum confermativo sulla controriforma costituzionale di Renzi e Verdini è una scadenza importantissima. E non possiamo permetterci disinformazione e passività. Non so se abbia ragione un annuncio sulla rete che dà vincente il NO, o invece siano più giusti i sondaggi dati nelle TV che vedono il SI in vantaggio in un mare di indecisi. So però che il referendum confermativo sulla controriforma costituzionale di Renzi e Verdini è la scadenza in assoluto più importante che abbiamo di fronte. E non possiamo permetterci disinformazione e passività. Intanto dobbiamo far sapere ai tanti che ancora lo ignorano,anche la rete lo dimostra, che il referendum costituzionale confermativo è diverso da quello normale abrogativo. Sulla Costituzione non c’è il quorum, quindi la maggioranza di una minoranza di partecipanti può decidere per tutti. E il SI vale proprio si, mentre il NO vuol dire no.

Tanti auguri, Rifondazione Comunista! Buon compleanno partito nostro.

Sono passati 22 anni da quel 3 febbraio del 1991 quando, in seguito alla decisione di sciogliere il PCI, e di gettare in soffitta uno degli architravi della storia di questo Paese in nome di un nuovismo senza forma né sostanza, un gruppo sostanzioso di dirigenti e militanti pronunciò un fragoroso no e si costituì nel Movimento per la Rifondazione Comunista. Nasceva un polo alternativo che venne subito bocciato come retaggio del passato e che invece divenne catalizzatore di energie provenienti tanto dalla nuova sinistra – il gruppo ex-Pdup guidato da Lucio Magri e Democrazia Proletaria che si sciolse poco dopo per aderire al progetto – quanto da chi come Fausto Bertinotti e Pietro Ingrao, per citare i più noti, avevano inutilmente provato a modificare dall’interno l’insieme di forze che avevano dato vita al Partito Democratico della Sinistra e in cui era confluita la maggioranza del PCI.

CIRCOLO territoriale del P.R.C. "VALERIO PANZIRONI" MUNICIPIO ROMA 14

CIRCOLO PRC "VALERIO PANZIRONI" MUNICIPIO ROMA 14
Care compagne e cari compagni, ci vediamo il prossimo GIOVEDI' 4 febbraio, dalle ore 19.00 alle ore 21.00, al Circolo PANZIRONI in via Lorenzo Litta, sul seguente O.d.g.:

1. Tesseramento a Rifondazione Comunista per l'anno 2016;
2. Analisi critica del programma della Giunta del Municipio 14 presieduta da Valerio Barletta;
3. Iniziative della APS Lavoro Dignità Diritti (12 febbraio c/o la Coop. Magazzino e GAP in sede);
4. Varie ed eventuali.

Invitiamo tutte/i alla partecipazione al lotto 25 delle "Case Popolari" di Primavalle in Via Lorenzo Litta dietro a Piazza Capecelatro.

Saluti comunisti.

Il Segretario del Circolo - Giacomo Franco

Elezioni a Roma. Il balletto dei nomi, primarie e kermesse che circolano non affronta i problemi della maggioranza della città. (Riceviamo e molto volentieri pubblichiamo questo articolo del nostro Claudio ORTALE)

Dopo la messa in soffitta di Marino, da parte del governo Renzi, e l’imposizione del commissario Tronca a garantire le politiche liberiste, è cominciato il circo a Roma per la corsa al Campidoglio. Il balletto dei nomi, primarie e kermesse che circolano non affronta i problemi della maggioranza della città, quella disagiata e delle periferie, ma ci parla solo della sopravvivenza o del riciclo di personale politico squalificato. Anche a sinistra. Serve un programma di lotta per una città diversa. Una città che rovesci il centro. Sono iniziate ormai da ben oltre un mese le “primarie dei pretendenti” che potrebbero o vorrebbero giocarsi la corsa per il Campidoglio a Roma.

IL MIGLIOR AUSPICIO PER IL 2016 (di Lucio Garofalo)

La riflessione più significativa sul Capodanno la scrisse Antonio Gramsci in giovane età, nel 1916, esattamente un secolo fa. Gramsci aveva ragione quando scriveva che dovrebbe essere Capodanno ogni giorno. Ma senza le stupide convenzioni sociali, gli stereotipi ottusi, il falso perbenismo borghese, il moralismo ed il conformismo ipocrita della società dei consumi di massa, senza i buoni propositi di ogni inizio d'anno che fanno assomigliare la vita umana ad un'azienda commerciale con i suoi consuntivi finali, bilanci e preventivi. Il comunismo dovrà spazzare via anche le inutili e sciocche convenzioni, le date e le ricorrenze vuote di senso. Questi Capodanni, che rappresentano soltanto convenzioni rituali, inducono a credere sul serio in una discontinuità della vita e della storia umana. Mentre non è affatto vero. Sono altri i momenti storici che hanno sancito un salto rivoluzionario, o una discontinuità effettiva. Ad esempio, il 1789 o il 1917. Giusto per intenderci.

Non si costruisce il futuro cancellando le identità (di Eleonora Forenza*)

 

Non si costruisce il futuro cancellando le identitàSarebbe bastata una rimozione meno eclatante di qualche decennio di pensiero femminista sulla necessità di svelare le mistificazioni del neutro, di nominare le differenze, di mettere al centro i corpi sessuati e parlare a partire da sé e dalla propria parzialità, per sconsigliare «ai ragazzi» di autoproclamare un appello non firmato come una «proposta credibile» per «la sinistra di tutti».

Un testo «non proprietario» il cui lancio pubblicitario è avvenuto però alla stessa ora, con messaggi sponsorizzati (non aprirò questioni di stile: sono old-fashioned), sulle pagine Facebook di autorevoli (e meno autorevoli) dirigenti di Act e Sinistra Italiana.

A TUTTI GLI ISCRITTI e a TUTTE le ISCRITTE AL CIRCOLO PRC "VALERIO PANZIRONI" E' convocato l'ATTIVO DEGLI ISCRITTI nella giornata di MERCOLEDI' 16 DICEMBRE nei locali del nostro Circolo in via Lorenzo Litta - Lotto 25 (Primavalle)

A TUTTI GLI ISCRITTI e a TUTTE le ISCRITTE AL CIRCOLO PRC "VALERIO PANZIRONI" E' convocato l'ATTIVO DEGLI ISCRITTI nella giornata di MERCOLEDI' 16 DICEMBRE nei locali del nostro Circolo in via Lorenzo Litta - Lotto 25 (Primavalle), per una consultazione sulla proposta di Costituente della Sinistra, La consultazione è stata indetta dal Comitato Politico Nazionale del nostro Partito. L'orario di inizio dell'Attivo è previsto alle ore 18.00 e sarà aperto dall'intervento di apertura del nostro segretario, il compagno Giacomo Franco, al quale seguiranno gli interventi da parte dei compagni che si iscriveranno a parlare. Le votazioni sulla proposta di Costituente della Sinistra (SI o NO o astenuto) saranno previste dalle ore 19.00 sino alle ore 20.30 con voto palese individuale. Per casi individuali, seriamente motivati, potranno essere previste le dichiarazioni di voto anche nell'orario precedente (dalle 18.00 alle 19.00) ma solo ad Attivo iniziato.

Un anno è passato. Un saluto alla compagna Bianca Bracci Torsi che non c’è più. I Comunisti di Primavalle la ricordano con un intervento del nostro Claudio Ortale. Ringraziamo tutti i compagni e le compagne che le rendono omaggio.

Claudio ORTALE (CPN/PRC): È VERO, LA MORTE DI UN RIVOLUZIONARIO È PIÙ PESANTE DI UNA MONTAGNA. Così è stato quando con altri occhi e un passo silenzioso siamo entrati a salutarla. Lei era là con gli occhi chiusi, stavolta per sempre, ma sempre con quelle labbra che anche se socchiuse ti sorridevano, anche nei momenti in cui discutevi animatamente con lei. L' avevo conosciuta personalmente la sera di Capodanno del 95, ad una cena a porte chiuse curata dallo chef Bonaventura nel suo localino a Trastevere de Roma. Non eravamo molto più di 10 o forse 11 compagni invitati dal "Bona" e stavamo seduti proprio faccia a faccia con lei. Parlare era semplice e piacevole con lei. Così come lo sarà ancora quasi 20 anni dopo nella nuova sala della Direzione Nazionale, quando seduti a fianco parlavamo della non semplice situazione che avrebbe dovuto affrontare il compagno che avevamo davanti, una volta che lui divenisse il probabile capo del governo sostenuto da Syriza.

CONSULTAZIONE INTERNA AL PARTITO SUL SOGGETTO DELLA SINISTRA DI ALTERNATIVA! Consultazione decisa dall'ultimo CPN in merito all'avvio della costituente di sinistra attraverso il documento “Noi Ci Siamo, Lanciamo La Sfida” al "Valerio Panzironi" si VOTA!

Circolo Territoriale PRC "Valerio Panzironi" al lotto 25 delle "Case Popolari" di Primavalle in Via Lorenzo Litta dietro a Piazza Capecelatro. CONSULTAZIONE INTERNA AL PARTITO SUL SOGGETTO DELLA SINISTRA DI ALTERNATIVA!

P.R.C. Ordine del giorno per le consultazioni sul soggetto unitario della sinistra.

Premessa: in questi giorni iniziano le consultazioni promosse a maggioranza dal Comitato Politico Nazionale del P.R.C circa la partecipazione del Partito al processo per la costruzione di un soggetto unitario della sinistra. Questo è il testo dell’ordine del giorno che abbiamo contribuito a scrivere, che promuoviamo e che invitiamo a sosten in ogni circolo in sede di consultazione.

"La Città Futura" I comunisti e la sfida delle amministrative a Roma (di Renato Caputo)

Di fronte all’imprescindibile necessità di riconquistare la credibilità perduta fra le masse popolari, i comunisti non possono mancare l’appuntamento con le comunali romane, per quanto tale passaggio sia irto di insidie. Se presumibilmente non c’è il tempo necessario per costruire una coalizione alternativa al governo dei poteri forti, in grado di esprimere un reale potere democratico, ossia popolare, dal punto di vista politico abbiamo dinanzi una prateria.

Dove è lo spazio dell’alternativa a Roma? Il CPF di Roma del PRC, giovedì 26 novembre, ha finalmente sciolto i nodi su quale prospettiva politica e con quali interlocutori tentare di costruire una vera alternativa di sinistra

Il CPF di Roma del PRC, giovedì 26 novembre, ha finalmente sciolto i nodi su quale prospettiva politica e con quali interlocutori tentare di costruire una vera alternativa di sinistra per rovesciare le politiche liberiste e i vincoli del Patto di Stabilità sull’amministrazione della Città. Quei nodi che molti “tavoli di confronto” con SEL, Fassina, Civati e Altra Europa non avevano fin qui potuto e saputo sciogliere.
Ora esiste un mandato entro il quale gli organi esecutivi e tutto il corpo del PRC romano possono e devono muoversi in questa prospettiva.
La linea da adottare è stata tracciata dal CPF con l’assunzione all’unanimità di due dispositivi presentati dalle diverse sensibilità del Partito e che tracciano dei paletti ben precisi con cui poter dialogare anche alla “sinistra” del partito e coi movimenti conflittuali.

I nuovi sudditi (di Enrico Euli*)

“Se gli dei esaudissero le preghiere degli uomini, l’umanità verrebbe dissolta a causa di tutti i mali che gli uomini si invocano l’un l’altro” (Epicuro). Questa frase mi è tornata alla mente vedendo François Hollande e David Cameron pregare insieme davanti ai luoghi in cui sono morti i parigini. Apparivano contriti e commossi. Qualche ora dopo, si sono accordati sul fare guerra insieme. E mai come ora i sondaggi crescono a loro favore. Ci stanno proteggendo, dobbiamo consentirgli qualunque cosa, purché altri muoiano per noi o contro di noi; e purché noi si sopravviva, forse, comunque, grazie a loro. Scrive Hannah Arendt: Se lasciata a se stessa, come osservò Nietzsche, la Volontà dell’uomo “piuttosto che non volere preferirebbe volere il Nulla”, e il pensiero di un progresso infinito implicitamente nega ogni suo traguardo e ammette dei fini solo come mezzi che gli consentano di superare se stesso nel suo gioco.

RICORDIAMO IL VOLANTINAGGIO SUI TRASPORTI del nostro Circolo DALLE ore 17 davanti alla METRO BATTISTINI “Opponiamoci alla Svendita della Capitale!”

RICORDIAMO IL VOLANTINAGGIO SUI TRASPORTI del nostro Circolo DALLE ore 17 davanti alla METRO BATTISTINI “Opponiamoci alla Svendita della Capitale!” La MERCIFICAZIONE della Città e delle Nostre VITE E’ la Vostra Ossessione Ma diverrà il vostro Incubo! E L'APPUNTAMENTO dell’ASSEMBLEA POPOLARE: VENERDI’ 20 NOVEMBRE ore 18.30 A VIA LORENZO LITTA (a PRIMAVALLE dietro piazza Capecelatro) Partecipano: Domenico MONTUORI (Cobas Scuola), Roberto VILLANI (Autoconvocati), Massimo FABIANI (Ospedale San Filippo Neri), Giacomo FRANCO (Ospedale IDI). Coordina: Claudio ORTALE (CPN/PRC) A seguire (ore 21.00) CENA ROSSA PER L’AUTOFINANZIAMENTO RIFONDAZIONE COMUNISTA – Circolo Territoriale “Valerio Panzironi” MUNICIPIO 14 VIA LORENZO LITTA (LOTTO 25) -

Condividi contenuti