Altra Roma

(Questi Menano) Riceviamo dai nostri compagni del Circolo PRC "Che Guevara" e molto volentieri pubblichiamo, il loro Comunicato sui FATTI del CORTEO TERRITORIALE CONTRO LA PRECARIETA' della sera dell'11 luglio (Manganellate davanti alla Festa dell'Unità)

schuster-11-luglio2-400x225.jpg

Benvenuto Futuro:"Profumo di sinistra" e manganellate davanti la Festa dell'Unità  11 luglio 2013 alle ore 23.37

Benvenuto Futuro, questa la scritta che campeggia sull'arco d'entrata della Festa dell'Unità.

Per oggi, 11 luglio, era stata indetta dalla piattaforma per il reddito di base e i

diritti, una manifestazione il cui scopo era quello di mettere al centro dell'attenzione

quattro temi fondamentali in questi anni di austerità: Casa, Lavoro, Diritti e Dignità.

Tutto ciò che Pd e alleati, sotto una patina di sinistra, ci stanno sottraendo a favore

Giovedì 11 Luglio a Roma, Ministero Affari Regionali via della Stamperia, 8 - ore 11.30 ASSEMBLEA – PRESIDIO dei LAVORATORI delle PROVINCE. Le funzioni di area vasta debbono continuare ad esistere.

Senza Provincie lo Stato NON Regge.jpg

Da anni i dipendenti pubblici sono sottoposti ad un attacco senza eguali nella storia del nostro Paese. Si è passati dal dileggio (la campagna sui fannulloni), al blocco pluriennale di ogni aumento contrattuale; dalla riduzione dei buoni-pasto al taglio del 30% del salario accessorio, fino all'inasprimento dei regolamenti disciplinari ed alle ricorrenti minacce di esubero, mobilità e cassa integrazione.
L’approccio demagogico e strumentale della politica al tema della soppressione delle Province, ne è la cartina di tornasole. “Dopo la decisione della Corte Costituzionale, che ha annullato il processo di riordino delle Province, si rischia un nuovo scontro tra gli organi costituenti lo Stato, che non vorremmo sia fatto pagare ai cittadini e ai lavoratori di questi enti”,

ROMA Cono Sud "I precari scendono in piazza, per riprendersi il futuro" Giovedì 11 luglio ore 18,30 alla Piramide, manifestazione cittadina contro la Precarietà nel Lavoro, nei Diritti, nella Casa.

Manifestazione territoriale il cono sud di Roma contro la precarietà.jpg

L'APPUNTAMENTO, per i PRECARI per il TERRITORIO per IL FUTURO - La manifestazione prenderà le mosse dalla stazione Piramide, alle 18.30 di giovedì 11 luglio. L’arrivo previsto è in piazza Riccardi, all’altezza della metro San Paolo. E si preannuncia, almeno nelle intenzioni espresse in locandina, una manifestazione colorata, divertente, con “musica, teatro ed acrobazie”. Come quelle che, quotidianamente, sempre più persone sono costrette a fare in questa città.

Piramide: "I precari scendono in piazza, per riprendersi il futuro"

MARTEDI' 9 LUGLIO: ASSEMBLEA PUBBLICA CONTRO L'AUSTERITA'! ore 17,30 presso Nuova Occupazione Stabile ENASARCO in via Mattia Battistini n.100

imagesCA7UE2PH.jpg
LA CASA SI DIFENDE! LA CASA SI PRENDE!
Dal diritto all’abitare alla lotta contro l’austerità
Inquilinato Resistente, Precari e Studenti, Movimenti, si confrontano su come rilanciare insieme la lotta contro la crisi dei potenti
Dopo l'assedio al tribunale civile di Roma contro sfratti, sgomberi e pignoramenti, i movimenti per il diritto all'abitare hanno dato vita, venerdì scorso, ad una nuova giornata di lotta a cui è seguita una forte mobilitazione che rivendicava misure adeguate e straordinarie per l’emergenza abitativa.

Consulta: "Fiat non può estromettere la Fiom". Finalmente bloccato il piano eversivo della Fiat "La Costituzione rientra in fabbrica"

auto-28giugno2013-290x290.jpg

La Corte Costituzionale ha dichiarato illegittimo l'articolo 19 dello Statuto dei lavoratori, nella parte che consente la rappresentanza sindacale aziendale (Rsa) ai soli sindacati firmatari del contratto applicato nell'unità produttiva. La decisione è stata adottata nell'ambito del ricorso della Fiom, esclusa dalla Rsa, contro la Fiat. Tale articolo era stato usato dal Lingotto per estromettere Fiom dato che non aveva firmato il loro contratto. La questione di legittimità costituzionale è stata sollevata e rimessa alla Consulta dai giudici dei tribunali di Torino, Modena, Vercelli, a seguito dei ricorsi presentati dai metalmeccanici della Cgil, esclusi dalle Rsa per non aver firmato il contratto specifico della Fiat, che richiama l'articolo 19 della legge 300 del 1970.

Ieri Lunedì 1 Luglio, in piazza per la casa, tensione con la polizia. Manganellate sul corteo: ferita una ragazza a poche decine di metri dal Campidoglio

corteo_casa_roma-300x224.jpg

Alla prima seduta del nuovo Consiglio di Roma Capitale arrivano gli echi di una manifestazione dei movimenti per la casa, a poche decine di metri dal Campidoglio, degenerata in momenti di tensione con la polizia. Una ragazza rimane ferita alla testa, i manifestanti accusano gli agenti di averla manganellata senza motivo. Un corteo di migliaia di persone per riportare l’attenzione sull’emergenza abitativa, partito dal Colosseo, che attraversa i Fori Imperiali e all’ingresso di piazza Venezia viene stoppato dalla polizia in assetto antisommossa. Gli agenti vengono a contatto con i manifestanti, che cercano di forzare il blocco, volano delle manganellate, la ragazza rimane a terra, il volto insanguinato. ”La polizia l’ha colpita con il manganello in testa – raccontano alcuni manifestanti -. Era una manifestazione pacifica”.

Anche lo Stato comincia a licenziare: 7.800 "esuberi". la Pubblica Amministrazione comincia a buttar fuori il personale "in eccesso".

Si è tenuto il 26 giugno scorso il CPF per avviare il processo di riorganizzazione del partito a Roma, che si intreccerà con la discussione congressuale, e sulle prossime iniziative.

b57e2b1bd2ea2e9f6fe1cfe1f6992731_L.jpg
Gli impegni emersi sono i seguenti: Sulla riorganizzazione: 1. Costituzione del "coordinamento dei lavoratori", aperto a tutti i compagni attivi sui luoghi di lavoro, come primo passo per la riorganizzazione nel settore. Il coordinamento come primo impegno realizzerà un censimento delle nostre presenze. La prossima riunione del coordinamento è fissata per venerdì 5 luglio alle ore 18 in via Dancalia.  2. Censimento delle presenze di compagni all'interno di movimenti, comitati e associazioni. Per un miglior coordinamento del nostro intervento nei movimenti.  3. Gruppo di lavoro sull'organizzazione (articolazione territoriale, sul lavoro, sedi, ecc) per istruire sulla base di una analisi della situazione e un ragionamento politico la discussione, e avanzare una proposta da discutere in cpf. La segreteria avanzerà una proposta di nomi da integrare con i compagni interessati a collaborare.  4.

Venerdì 28 Giugno Sciopero di 8 ore, manifestazione da piazza della Repubblica al Pantheon e sit-in a Montecitorio fino alle 16 - "Occupazione Dramma Nazionale"

La Fiom, in corteo con i lavoratori metalmeccanici nel centro di Roma - "Difendere lavoro e libertà sindacali"
 DIFENDERE LAVORO E LIBERTÀ SINDACALI -FOTO 10

Spazio Sociale ex 51 Valle Ri-fiorita Occupata. Arrestati quattro attivisti. Affiggevano Manifesti.

Nessuno senza casa.jpg

Martedì 25 alcuni ragazzi mentre stavano affiggendo manifesti per pubblicizzare un’iniziativa organizzata per il quartiere, sono stati prima intimiditi da una volante che poi, con l’aiuto di altre volanti intervenute, li hanno tratti in arresto. L’iniziativa si inserisce nelle attività che da quando nel Dicembre 2012 è stata occupata l’ex-clinica di Valle Fiorita animano il quartiere. ValleFiorita non è solo un’occupazione abitativa, ma un luogo liberato nel quartiere; dove sono stati costruiti laboratori, viene portato avanti un progetto di radio online e che nella giornata del 25 Aprile è stata aperta al territorio e vissuta tanto dagli occupanti quanto da chi abita la zona.

I Caccia sono in Picchiata (speriamo) e il volo degli F35 (forse) è sospeso

F35bondi-300x206.jpg

«Fermiamo questa spesa inutile», 14 miliardi di euro di cui due già spesi, 45 in prospettiva, in un paese che non trova soldi da investire sul lavoro, che taglia sull’assistenza, in cui «migliaia di persone su territori a rischio sismico o idrogeologico», attacca Giorgio Airaudo, indipendente di Sel, in aula. Ieri pomeriggio a Montecitorio è iniziata la discussione sulla mozione proposta da Sel (primo firmatario Giulio Marcon, di Sbilanciamoci e della campagna Taglia le ali alle armi), dal M5S e da 14 deputati Pd. In tutto, 160 firme, un numero lontanissimo dalla maggioranza che serve, ma che potrebbe trasformarsi in una rampa di lancio per la mozione se nel Pd alla fine non si reggesse un accordo interno sulla sospensione, almeno temporanea, dell’acquisto degli F35. Che era, e qui sta il paradosso, una proposta del candidato Bersani in campagna elettorale.

Campagna di pressione No F35 sui Deputati/e del Lazio - Nel Lazio su 58 deputati/e eletti solo 15!! (11-M5S 4-SEL 1-PD) hanno dichiarato il loro NO al programma F35

Taglia le Ali alle ARMI.jpg

invitiamo tutte le realtà  ad attivare una campagna di pressione sui deputati/e del Lazio che non hanno firmato la mozione sul NO agli F35 Sit-in a Montecitorio per fermare gli F-35
LUNEDI’ 24 GIUGNO ORE 18-20 PIAZZA MONTECITORIO
Qui è scaricabile elenco dei Deputati/e del Lazio che non hanno ancora aderito alla mozione contro F35
http://www.reorient.it/index.php?option=com_content&view=article&id=96%3Asit-in-a-montecitorio-per-fermare-gli-f-35&catid=5%3Aeventi-e-news&Itemid=18

Questo, che si può leggere di seguito: è il testo da inviare via mail , via facebook ed altri social network

Il dito e la luna - Correnti dentro Rifondazione o vuoto di prospettiva, di strategia, di identità, di cultura politica. Questo è il problema.

finger_moon.jpg

Nel Pci, in Dp, nel Prc, nel PDS, nei Ds, nel Pd e potrei continuare, ci sono sempre state le correnti o – se vogliamo chiamarle con un nome più nobile – le aree. A seconda dei momenti sono state considerate una ricchezza oppure un problema. Mai come in questa fase – per il Pd e per il Prc – sono diventate il “nemico numero uno”, l’ostacolo che impedirebbe la rapida crescita del partito, il “male assoluto” da buttare in pasto al malessere della base. Avviene questo perché vi è un problema più di fondo che sia per il Pd che per il Prc (con il rispetto delle proporzioni), non si vuole affrontare: il vuoto di prospettiva, di strategia, di identità, di cultura politica. Altro che correnti. Come dice il classico proverbio “si guarda il dito, anziché la luna”.

 

La segreteria nazionale del Prc ha deciso di aderire e sostenere la raccolta di firme per quattro leggi di iniziativa popolare. La prima promossa dall’Associazione Luca Coscioni, le altre tre da un arco di soggetti che va da Antigone al Gruppo Abele.

Prosegue in tutta Italia la raccolta di firme.jpg

Prosegue in tutta Italia la raccolta firme per le proposte di legge di iniziativa popolare su carcere, droga e tortura.Tre proposte di legge di iniziativa popolare che affrontano l'introduzione del reato di tortura nel nostro ordinamento, il problema del sovraffollamento carcerario (rafforzando il concetto di misura cautelare intramuraria come extrema ratio, proponendo modifiche alla ex-Cirielli sulla recidiva, imponendo l'introduzione di una sorta di "numero chiuso" sugli ingressi in carcere) e quello della depenalizzazione del consumo di sostanza stupefacenti (modifica della legge Fini-Giovanardi).

Documento della segreteria del Prc romano che rilancia il confronto politico all’indomani del ballottaggio che ha portato Ignazio Marino a diventare sindaco di Roma.

Rifondazione Comunista.jpg

Una “convergenza programmatica” larga intorno ad alcuni obiettivi condivisi - Il segnale politico, seppur con l’onda montante dell’astensionismo (Marino a conti fatti è stato eletto da poco meno del 30% degli aventi diritto) parla comunque “della necessità del cambiamento”. “L’estromissione della destra più retriva dal potere capitolino ne è una prima condizione – si legge nel documento – ma la possibilità di un cambiamento reale dipenderà anche da come si muoverà la sinistra romana, che ha affrontato le elezioni comunali nelle peggiori condizioni di frammentazione”.

La notte tra Mercoledì 12 e Giovedì 13 Giugno Casapound ha tentato l'assalto al Cinema America Occupato (poi però sono scappati)

altDurante la notte di mercoledi, a seguito dell'iniziativa dei forum dell'Acqua Bene Comune in piazza San Cosimato, convocata per festeggiare i due anni dalla vittoria referendaria, un manipolo di militanti di Casapound ha assaltato il Cinema America Occupato, un'occupazione limitrofa alla piazza che partecipava attivamente alla costruzione della giornata.

Comunisti e Fronte della Sinistra (per leggere e per aderire all'appello http://cominciadesso.wordpress.com/ )

occupy_wall_street.jpg
Il processo di disgregazione e di marginalizzazione dei comunisti e della sinistra sembra aver toccato il fondo, conducendo all’epilogo il progetto di ricostruzione di una teoria e una prassi comunista in Italia. È paradossale che il Paese in cui è esistito il più grande Partito comunista dell’Occidente, sia oggi l’unico tra quelli europei a non avere una sinistra d’alternativa capace di contrapporsi con propositi unitari e proposte credibili alle politiche liberiste dell’Unione Europea. Tante sono le ragioni, soggettive e oggettive, di una tale condizione, ma una cosa è certa: il mondo del lavoro e quello del disagio sociale guardano altrove. Il Movimento di Grillo ha monopolizzato il malcontento verso le politiche di austerità finanziaria.

Parigi, giovane antifascista pestato a morte da skinheads. Si chiamava Clement Meric, studente di scienze politiche, aveva meno di vent'anni

Un ragazzo di 19 anni, noto per il suo impegno antifascista e politico a sinistra, è in stato di morte cerebrale dopo essere stato aggredito ieri sera in pieno centro di Parigi e in mezzo alla folla da tre skinhead, che sono riusciti a scappare. La gauche ha lanciato una grande mobilitazione dando vari appuntamenti in piazza ai suoi militanti. Clement Meric, studente di scienze politiche, è stato ferito a morte da uno degli skinhead, che l'hanno colpito con un pugno di ferro facendogli sbattere poi la testa su un cono segnaletico nei pressi della stazione ferroviaria di Saint-Lazare.

12 e 13 Giugno 2013 - Buon compleanno referendum! A due anni dalla vittoria referendaria per l'acqua bene comune la lotta continua!

Acqua Pubblica.jpg
Il 12 e 13 Giugno 2011, dopo molti anni, i referendum hanno di nuovo raggiunto il quorum e sono tornati ad essere lo strumento di democrazia diretta che la Costituzione garantisce. La maggioranza assoluta delle italiane e degli italiani si è espresso a favore della fuoriuscita dell'acqua e dei servizi pubblici locali da una logica di mercato e di profitto. Le iniziative messe in campo in questi due anni per l'attuazione dei referendum, a partire dalla Campagna di Obbedienza Civile, passando per le manifestazioni nazionali del 26 novembre 2011, quella del 2 giugno e del 15 dicembre 2012, per finire ai diversi percorsi di ripubblicizzazione aperti nei territori, oltre al fatto che la lotta per l'acqua si è sempre più intrecciata con le altre vertenze per la difesa dei beni comuni e contro le speculazioni, dimostrano la persistenza del movimento dell'acqua e le ragioni profonde che hanno portato alla vittoria refendaria del 2011.

"Rovesciare il tavolo" a Montesilvano (Pescara) il primo Congresso nazionale dell’Unione Sindacale di Base

1° Cogresso U.S.B..jpg
Si apre oggi a Montesilvano (Pescara), il primo Congresso nazionale dell’Unione Sindacale di Base, che si svolgerà dal 7 al 9 giugno presso il Grand Hotel Adriatico (via Carlo Maresca 10). "Dopo un fitto percorso democratico - si legge in un comunicato - che ha visto gli iscritti dell’USB protagonisti del dibattito nelle assemblee nei luoghi di lavoro e nei congressi che si sono tenuti negli organismi provinciali, regionali e di categoria, il Congresso nazionale all’USB rappresenta una importante verifica dei risultati ottenuti dal maggio 2010, quando con la parola d’ordine 'Connetti le tue lotte' diverse organizzazioni sindacali si unirono per dare vita alla nuova confederazione".
Condividi contenuti